Il Portale Regione Toscana costituisce un sistema di facilitazione nell’accesso a contenuti e servizi che prevede una molteplicità di informazioni distinguibili per tipologia del mezzo (testi, documenti, immagini, media files, atti, bandi, concorsi) per valore delle informazioni (informativo, comunicativo, legale, di servizio) che devono essere raggiungibili e fruibili da parte di soggetti differenziati per interessi, obiettivi e capacità.

Per una più ampia diffusione e fruibilità dei contenuti e servizi l’accesso viene erogato in modalità multicanale e multipiattaforma.

La gestione del sito prevede continui aggiornamenti, modifiche e sviluppi per soddisfare l’esigenza informativa e comunicativa dell’Ente e rispondere a obblighi di legge per la tempestiva pubblicazione on-line di contenuti istituzionali, tra i quali il Bollettino ufficiale della Regione Toscana, i bandi e gli avvisi di gara sul profilo del committente e gli avvisi per incarichi professionali, ed avviene in forma dinamica mediante un sistema editoriale per la alimentazione e gestione dei contenuti in codice opensource personalizzato in modo da rispondere alle direttive del progetto editoriale e del manuale di stile, che deve rimanere operativo in continuità con la realizzazione di una nuova soluzione tecnica in linea con la precedente.

L’organizzazione delle informazioni del sito e gli strumenti per la sua quotidiana realizzazione dovranno, al contrario di quanto accaduto finora, rispondere a un maggiore criterio di flessibilità, per mettere in grado la macchina regionale di esprimere e proporre la propria attività nelle varie modalità, che sono diverse quando si tratti di contenuti istituzionali (raccolte normative, documenti azioni ufficiali, aree contenenti strumenti di lavoro, di monitoraggio, di raccolta dati…) o di contenuti di altra natura (informazioni e servizi diretti ai media, informazioni al cittadino…).

Il sito è realizzato completamente in tecnologia web senza la necessità di installazione di software aggiuntivo sui sistemi client, e senza limitazioni sul sistema operativo, con i seguenti requisiti:

  1. Autenticazione e profilazione degli utenti integrate con il sistema regionale ARPA.
  2. Gestione degli utenti in grado di definire policy di ruolo multilivello (contributore, redattore,revisore, amministratore).
  3. Gestione degli utenti in grado di definire policy di intervento multisezione (abilitazione alla gestione di singole aree di sito).
  4. Pannello di gestione lato utente contestuale al ruolo e alle aree assegnate.
  5. Tracciamento dell’accesso degli utenti e del loro intervento sulle risorse.
  6. Redazione del manuale d’uso del CMS.

Per gli aspetti che riguardano le “risorse del CMS”, è realizzato e costantemente aggiornato un manuale operativo per la creazione e l’aggiornamento degli elementi della info-architettura e delle relative componenti contenutistiche (struttura del sito e suoi contenuti):

  1. Classificazione degli asset per categoria multilivello con possibilità di più assegnazioni per elemento.
  2. Classificazione degli asset per tipologia, attività da svolgere secondo il coordinamento e in piena collaborazione con l’esperto in information retrieval.
  3. Personalizzazione degli attributi mediante campi (testo, checkbox, selezione) definiti dall’utente.
  4. Memorizzazione dello storico di ogni asset con possibilità di ripristino delle versioni precedenti.
  5. Duplicazione di tutti i tipi di asset con possibilità di modifica.
  6. Salvataggio delle modifiche dell’asset distinto dalla pubblicazione definitiva della risorsa.
  7. Correlazione delle risorse fra loro a diversi livelli e tipologie, garanzia dell’integrità referenziale delle associazioni.
  8. Gestione multi-stato degli asset (bozza – da pubblicare – pubblicato – archiviato) con cambio status manuale o programmabile nel tempo.
  9. Preview dell’asset con il template associato.
  10. Inserimento singolo e/o multiplo di asset.

Il sistema, è basato su architettura J2EE ed è interamente basato su tecnologie open-source: Liferay Portal, Liferay Journal, Tomcat, PostgreSQL.