Il Comune di Pistoia ha richiesto a TAI l’analisi tecnica per la realizzazione di una applicazione web-based finalizzata alla pubblicazione di consultazioni popolari destinate ai cittadini residenti e iscritti nelle liste elettorali. L’applicazione deve consentire di effettuare delle consultazioni pubbliche attraverso la risposta a semplici domande come avviene per i quesiti referendari.

Per consentire il riconoscimento certo e quindi partecipare alla consultazione, il Comune di Pistoia, ha messo a disposizione l’elenco degli elettori completo dei seguenti dati: Nome e Cognome, Codice Fiscale, Data di nascita, Sesso e Numero della tessera elettorale di circa 71.000 cittadini.

La consultazione come nei referendum è del tipo domanda/risposta secca:

  • Domanda: Sei favorevole o contrario a… ?
  • Risposta: SI / NO

La votazione è possibile solo online e ciascuno potrà votare solo una volta per ogni consultazione. Il voto stesso deve essere segreto e cioè non riconducibile alla persona che lo ha espresso.

L’applicazione è configurabile in modo da poterla riutilizzare con analoghe modalità, in occasione di una nuova consultazione, così da ridurre i tempi di pubblicazione, ed è ospitata sulla piattaforma Liferay 6.2 EE messa a disposizione da parte di Regione Toscana per i processi di partecipazione dei cittadini. Entrando nel merito, l’applicazione web è stata realizzata come “portlet” in modo da poter essere installata sulla piattaforma Liferay, i dati dei cittadini caricati su oppotuna base dati (DB relazionale ovvero LDAP), messo a disposizione da Regione Toscana. Per garantire l’anonimato il sistema terrà traccia solo della data e ora in cui un cittadino ha votato senza associare la preferenza espressa, che sarà memorizzata in opportuna base dati completamente disigunta da quella delle anagrafiche.

Come richiesto dal Comune di Pistoia, solo agli utenti autorizzati  sarà possibile l’accesso a un’interfaccia di amministrazione, per la sola modifica del numero della tessera elettorale, nel caso in cui necessiti l’aggiornamento. Nella fase di votazione, l’utente è guidato con opportuni messaggi di notifica per rendere il processo friendly e di facile comprensione. Ad esempio il sistema segnalerà se non riconosce il codice fiscale ovvero se invece non riconosce il solo numero della tessera elettorale. Nel primo caso significa che l’utente non è censito nelle liste elettorali, mentre nel secondo, l’utente è presente, ma è possibile che il numero di tessera elettorale sia stato digitato male. Dopo essere stato riconosciuto correttamente, l’utente avrà a disposizione un intervallo di tempo predefinito (ad es. 180 sec.) per completare la votazione; superato questo intervallo la schermata di voto sarà inibita e l’utente dovrà procedere nuovamente all’inserimento del codice fiscale e numero di tessera elettorale per poter votare.

La visualizzazione dei risultati della consultazione sono forniti solo al termine della consultazione attraverso grafici di sintesi come ad esempio grafici a torta o a barre che indicano la percentuale dei votanti e le percentuali/numero della singola preferenza. Durante il periodo di apertura della consultazione il sistema visualizzerà solo il numero e la percentuale di votanti. In backoffice, solo per gli utenti amministratori sarà visualizzato il numero dei votanti ed il numero di dati effettivamente acquisiti in modo da effettuare un controllo di congruenza ed evidenziare, quindi, eventuali discrepanze che possono essere sintomo di errore sul sistema.

La piattaforma Liferay inoltra implementa nativamente le interfacce RWD (Responsive Web Design) per cui la pagina si adatta automaticamente agli schermi dei dispositivi mobili come tablet e smartphone con dimensione di 4,5” o superiori.